ABOUT ME

ABSTRACT

 

Gianni Carboni nasce e cresce a Sassari ma proviene da una famiglia di Sorso.

Figlio di Gavino Carboni, piccolo commerciante di ortofrutta, e Margherita Delogu, prima casalinga e poi negli anni unitasi all'attività del marito come consigliere di vendita.

La prima infanzia di Gianni ha poco a che spartire con la musica, legata più che altro alle attività dei genitori e della famiglia in genere (sono numerose fra zii e parenti le figure di agricoltore, lavoratore della campagna e figure affini).

 

Si avvicina alla musica all'età di 11 anni, grazie agli amici dell'epoca, scoprendo così i suoi fino ad allora ignorati talenti.

Inizia a suonare la chitarra anche se non ne possedeva ancora una.

Ancora sprovvisto di uno strumento musicale proprio, esordisce comunque live, in una rassegna di artisti emergenti in Piazza d'Italia a Sassari.

 

Vista l'insistenza, il padre viene convinto a regalargli la sua prima chitarra classica, una Asahi da cinquanta mila lire. Non un granché, insomma. Infatti verrà utilizzata da Gianni solo come allenamento e studio, affidandosi ancora al prestito da parte di amici per le esibizioni live.

 

Riceve a 13 anni, come regalo di cresima, il suo primo importante strumento, che utilizza ancora oggi: una Fender Stratocaster.

Durante il corso della sua carriera esplora successivamente alla chitarra ed in ordine cronologico anche il canto, il basso e la batteria, accompagnando sempre la pratica allo studio dello strumento e della musica.

Si allontana dalla scena durante il suo periodo universitario fuori Sassari.

E' laureato in Scienze Economiche all'Università di Sassari e si è specializzato in Scienze Attuariali all'Università di Torino.

Dopo la laurea ha anche esperienze di lavoro fuori Sardegna (Roma e Pisa) che lo privano della possibilità di suonare live, cosa che riprende a fare non appena rientrerà a Sassari, sempre per motivi di lavoro. 

 

Oltre che di musica, Gianni è un grande appassionato di sport, attività che lo accompagna praticamente da sempre, con esperienze anche di arbitro e di allenatore giovanile.

E' un grandissimo tifoso della Dinamo Sassari, al quale ha dedicato anche una canzone (vedasi voci successive).

E' sposato con Alida Addis.

LE PRIME ESPERIENZE DI BAND

 

La sua prima esperienza di band avviene con gli H2O, dalla quale viene ingaggiato come chitarrista ritmico.

Gli H2O si evolvono successivamente negli Suoni Scoperti.

In entrambi i casi viene realizzato nei live un repertorio di cover spaziante dalla musica italiana ai grandi classici internazionali.

 

A seguito dell'abbandono della band da parte di Giuliano, il quale intendeva percorrere una carriera da solista, Gianni fonda insieme ai componenti rimanenti, ai quali si aggiunge Antonello Baule al basso, la band Skylords, con la quale inizia la sua esperienza di cantante approcciandosi ad un repertorio più rock rispetto alle esperienze precedenti.

 

Con gli Skylords arrivano le prime importanti esperienze live, nelle rassegne di artisti emergenti di buona parte della Sardegna.

Gli Skylords vincono nel 2002 il primo premio del Festival di Ittiri, grazie al quale registrano la prima demo di cover.

 

Successivamente, per diverse visioni sul futuro e motivazioni, gli Skylords si sciolgono e Gianni inizia una prima parentesi come solista. 

AUTORE DEI PROPRI BRANI

 

La fine dell'esperienza con gli Skylords spinge Gianni a diventare autore dei propri brani.

Inizia a scrivere e partecipa con i propri brani ad alcuni dei più importanti concorsi/festival del panorama emergente italiano, cosa che continua a fare tutt'oggi, durante i quali ha l'opportunità di confrontarsi con alcuni importantissimi personaggi della musica italiana, appartenenti al mondo discografico, radiofonico e formativo, oltre che su centinaia, spesso migliaia di suoi colleghi.

 

I brani su cui puntava allora erano Credo in me e Per cambiare, primi lavori registrati professionalmente e autoprodotti dallo stesso Gianni. In quel periodo registra anche una cover di Nothing else matters dei Metallica.

LO STOP FUORI SARDEGNA E IL RITORNO CON I NADIM DUO

 

Demotivato da risultati incoraggianti sì, ma al di sotto delle sue aspettative, oltre che da un'insufficiente consapevolezza dei propri mezzi, Gianni si concentra sugli studi universitari e sulle prime esperienze di lavoro fuori dalla Sardegna.

 

Al termine delle stesse, però, tornato nella sua isola madre, riaccende la fiamma con la musica fondando nel 2013, insieme a Salvatore Marongiu, i Nadim Duo, con i quali suona la chitarra e canta (il ruolo di prima voce è condiviso proprio con Salvatore che invece suona il cajon e le tastiere a seconda dei brani), con cui riesce a ritrovare la verve un po' arrugginitasi oltre mare, ma soprattutto a suonare nella maggior parte delle più belle location di Sassari & dintorni.

 

Nelle esibizioni live spesso i Nadim venivano accompagnati dal chitarrista solista Andrea Manca, configurando ormai un trio di fatto, con la dicitura "Nadim Duo feat. Andrea Manca".

 

Dopo un primo periodo di reciproca conoscenza in cui si suonavano principalmente cover in chiave acustica, iniziano i primi lanci di inediti.

Viene registrato un primo album demo, autoprodotto, intitolato Niente di più facile, il lavoro verrà successivamente ritirato dal commercio.

L'album viene accompagnato dal lancio del video de I sorrisi dell'anima che, insieme alle altre tracce, raggiungono oltre 25.000 visualizzazioni.

 

Successivamente viene lanciato un quinto inedito, Sempre più su, brano dedicato alla storica annata del triplete della Dinamo Sassari, di cui Gianni è grande tifoso. Grazie a questo inedito i Nadim Duo raggiungono popolarità all'interno della tifoseria della Dinamo, che in quel momento era visibile in tutto il territorio regionale e non solo. Si è vociferato per alcune settimane che addirittura il brano potesse essere scelto come inno della squadra, cosa però poi smentita dagli stessi Nadim durante un'intervista rilasciata all'emittente regionale Videolina, oltre che dalla società.

 

Gianni e Salvatore più avanti decidono di terminare l'avventura dei Nadim a causa di insanabili divergenze di visione sui progetti futuri e sulle loro modalità di realizzazione, per dedicarsi ad altri progetti personali.

LA DOPPIA ATTIVITA': CON I BENTWAY E COME SOLISTA

 

Dopo il termine dei Nadim Duo, Gianni fonda insieme ad Andrea Manca (già parte del progetto Nadim) e Marcello Pinna (ex componente di H2O, Suoni Scoperti e Skylords durante l'adolescenza di Gianni) i Bentway, con i quali, sulla scia degli apprezzamenti ricevuti dai Nadim, prosegue una proficua attività live in tutto il territorio regionale.

 

Nel contempo decide di lanciare il primo album da solista, interamente autoprodotto, intitolato "In punta d'ardire", composto da 12 tracce di cui cinque in doppia versione, in lingua italiana e in lingua inglese (queste ultime inserite come bonus track).

L'album è uscito su tutti gli store digitali e sul presente sito il 30 maggio 2016, accompagnato da un videoclip e presentato insieme all'album il 2 giugno in un Palazzo Baronale (Sorso) gremito di pubblico in quella che risulterà essere una serata magica.

L'album riscuote un ottimo successo di pubblico e numerose recensioni positive (vedasi sezione "dicono di me"), ricevendo apprezzamenti non solo in Italia ma anche all'estero, motivando e stimolando Gianni a non mollare ma, anzi, a continuare a perseverare nel raggiungimento del suo sogno.

 LA RICERCADI UN NUOVO SOUND CON IL LANCIO DI NUOVI BRANI

 

Gianni si esibisce solo come solista e solo con propri brani e lo fa con band al seguito oppure da solo con chitarra e voce, con l'obiettivo di dare continuità all'attività live.

Il 2017 è anche un anno in cui avviene un cambiamento nel sound di Gianni, il quale va a ricercare e sperimentare nuovi suoni, nuove atmosfere e nuove tematiche, anche grazie all'incontro avvenuto con Matteo Gazzolo, affermato Sound Designer, che forma Gianni e gli insegna i fondamentali della musica elettronica, che Gianni non esista a mettere in pratica in tre nuovi brani.

 

'Percorsi Incoerenti' è un vero e proprio brano sperimentale, protagonista di un esperimento molto ben riuscito in quanto il brano convince non solo Gianni ma anche chi lo segue. Una volta lanciata la versione sperimentale del brano ed avendo ricevuto ampio consenso dai suoi consiglieri più fidati oltreché da molti dei suoi "seguaci", Gianni decide di fare sul serio e pubblica un ri-edizione del brano accompagnato da un nuovo video, il primo completamente autoprodotto dallo stesso Gianni, girato e ambientato interamente in Giappone.

'Dark Waves', un brano scritto da lui ma composto e co-prodotto insieme al suo collaboratore/amico chitarrista Andrea Manca. Il brano viene anche lanciato come singolo su tutti i digital stores accompagnato dalla versione in italiano di Gianni, intitolata 'Onde Nere'. In questo brano l'elettronica del "nuovo" Gianni si fonde perfettamente con il sound profondamente rock di Andrea, creando un vero e proprio nuovo sound che difficilmente trova collocazione nell'attuale mercato discografico.

Ancora, Gianni questa volta si mette in gioco con un progetto totalmente diversa rispetto ai precedenti, dove stravolge e riveste completamente da zero un brano storico che lo ha accompagnato tutta la vita, 'Message in a bottle' dei 'The Police'.

Una "cover" che fondamentalmente è un brano ex novo, che viene infatti definita dallo stesso Gianni come la prima, vera ed unica cover della sua vita.

E' davvero l'inizio di qualcosa di più importante.

 

GC RECORDS - LA NUOVA SCOMMESSA

La sempre più gratificante e formativa esperienza sul campo unita al proseguo di percorsi di studi mirati alla continua crescita professionale ed artistica di Gianni, lo porta a fondare la 'GC Records', per provare a mettere a disposizione tutto ciò a favore di altri artisti.

Un Gianni, dunque, non solo produttore di se stesso ma che produce altri artisti, il primo è Andrea Manca.

La 'GC Records' si occupa della produzione artistica audio e video del quarto singolo del chitarrista, "Traveling", che raggiunge in poco tempo oltre 14.000 visualizzazioni e che consacra definitivamente Andrea come chitarrista compositore dei propri brani.

Seguiranno altre due produzioni, un'altro video per Andrea Manca, 'Broken Heart', autentico capolavoro del chitarrista sardo e il bellissimo singolo 'Qualcuno di più (altered blues)' dell'affermato cantautore sassarese Maurizio Casu, prodotto interamente da Gianni sotto l'aspetto audio e video.

Da allora altre collaborazioni e progetti di cui ci saranno a breve nuovi aggiornamenti.

LA BASE - IL NUOVO ALBUM

 

Dopo tanta attesa, viene annunciata l'uscita del nuovo album di Gianni Carboni prevista per l'otto dicembre 2018. Intitolato "La base" e composto da 13 tracce, il nuovo album chiude un cerchio importantissimo nel percorso artistico di Gianni, andando a completare quella crescita e quella maturità ricercata negli anni di studio sia per quanto riguarda le sonorità che per i testi. 

Il prodotto, targato 'GC Records' viene mixato e masterizzato da Sebastiano Biddau (Domosound Recording Studio).

L'album è anticipato dal videoclip del brano che dà il titolo al disco, anche in questo caso autoprodotto e girato a Parigi, on line dal 10/11/2018.

 

influenze e stile

Le influenze di Gianni sono da ricercarsi nel rock-blues più classico ma anche nelle sue versioni "commerciali".

Di grande ispirazione per lui Toto, U2, Eric Clapton, The Police, Pink Floyd, Depeche Mode e tanti altri ancora.

 

Predilige una timbrica calda e scura per la voce, mentre si caratterizza per un senso pienamente ritmico per le chitarre.

Amante dei suoni tipicamente Fender, i suoi brani rieccheggiano in modo evidente uno stile musicale associabile al rock americano, dove predominano più chitarre distorte caratterizzate da frequenze basse e armonicizzazione delle linee.

Nelle ultime sperimentazioni il sound di Gianni strizza l'occhio, ma anche qualcosa in più, all'elettronica, avvicinandosi più ad atmosfere electric-sinth-dark, fondendo questi suoni con la chitarra elettrica, suo amore mai abbandonato.

fonti esterne

 

© 2023 by GC Records

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now